coronavirus, salute

Le parole sono importanti: “Immuni” da cosa?

Personalmente non sono favorevole a scaricare Immuni, app di tracking. Tante le perplessità. A partire dal nome, o meglio dal naming, come si dice nel marketing. Disciplina della forma, più che della sostanza, intersecherà più volte i destini del progetto, come vedremo. Le parole sono importanti, direbbe Nanni Moretti. Innanzitutto, “Immuni” da che? Al momento, dell’argomento non si sa nulla: né se vi sia né quanto, eventualmente, duri l’immunità. Perché, allora, chiamarla così? In nessun paese ho visto questo tipo di scelta. Per chi non lo ricordasse : le “patenti di immunità” sono un’invenzione giornalistica. Non esistono.

In secondo luogo, le partnership. L’app è stata sviluppata da Bending Spoons, software house milanese nota per giochini come il Live quiz, che spopolava mesi fa. Poco male, è una delle prime realtà al mondo nel settore, e immagino abbia le capacità tecniche per farlo se è stata selezionata. Ma due mesi fa, all’inizio dell’operazione, si dava gran risalto al fatto che fosse realizzata in collaborazione con il Centro Medico Sant’Agostino, catena di centri diagnostici. Clamoroso autogol, dal momento che una delle perplessità principali riguardava la privacy, e la presenza di una società specializzata in quella che potremmo definire “sanità digitale” non rasserena. Forse mi sono perso qualcosa, ma dove è finito il Centro Medico? Sul sito di Immuni non ve n’è traccia. Ammetto, certo, che possa essermi sfuggito qualcosa. In tal caso mi scuso. Altrimenti, la domanda è :che fine hanno fatto? Si sono defilati da sé ? Sono stati estromessi?

Quale che sia la risposta, resta il fatto che il Comitato ha selezionato il progetto in presenza di un elemento del genere, che già di per sé mi pare invalidante. Due parole su Sant’Agostino: è la stessa catena che a inizio emergenza batteva il chiodo sui test sierologici su tutti i media disponibili (quelli che abboccavano, tra cui molti quotidiani nazionali e reti TV) tramite interviste con l’ad Luca Foresti, più presente di sulle testate di Speranza, che di mestiere fa il ministro della Salute. A marzo i sierologici, oltre che non validati da nessuno, erano completamente inutili, perché non trattasi di strumento diagnostico, come ben sanno i medici specialisti in materia. Fallito il pressing delle lobby dei test (almeno in Lombardia), ecco l’app : Foresti, uscito dalla porta di Milano, è rientrato dalla finestra del ministero a Roma. Così va il mondo.

Aggiungo il fatto che a lungo non furono resi noti i criteri di selezione. Altro elemento che non depone a favore della trasparenza, almeno di quella percepita, dal momento che le proposte presentate furono 200.

Infine, il concetto di tracciamento in sé: a me piace poco, ma questa è filosofia morale, ed è personale. Ma per convincermi bisogna fare molto meglio di così.

Insomma, una serie di scelte mi rendono pesantemente scettico. Voi che ne pensate?

Standard
tendenze

Generazione Blablacar

Lo provi, e non riesci più a farne a meno. Blablacar, società fondata nel 2003 dal giovane Frédéric Mazzella,  fresco di studi in fisica, è l’app del momento. L’idea arrivò a Natale, mentre il francese cercava un modo per raggiungere i genitori durante le vacanze: treni  pieni a prezzi proibitivi, e macchine semivuote in autostrada. Perché non cercare di riempirle?  Il resto è storia. Nacque il sito, che – azzardo una previsione  – fra qualche tempo darà il nome a una generazione: la generazione Blablacar, come a suo tempo fece Ryanair. Continua a leggere

Standard
app

Ciao Runner: la corsa diventa social con l’app italiana

Ne è passato di tempo dai primi anni 2000, quando un allora giovanissimo Mark Zuckerberg cominciò a immaginare Facebook,quello che sarebbe diventato il simbolo dei nostri giorni. Nello stesso periodo, in Italia, un altro Marco, che di cognome fa Frattini, si era laureato da poco in Odontoiatria. Nel tempo libero aveva imparato a fare il fonico. Suonava, anche: insomma, uno che si dava da fare.

Continua a leggere

Standard
internet

Lady Wikipedia: “I giovani? Non sanno usare Internet”

Primo maggio, festa dei lavoratori. Per rispetto nei confronti della tradizione,  ma anche  per la stanchezza post-trasferta a Roma dei giorni scorsi, ripubblico (con un leggero editing) una mia intervista uscita su Monza Today nel 2013. Protagonista Frieda Brioschi,  per quasi un decennio presidente di Wikimedia Italia. Grandissima esperta di web, nel corso del colloquio mi ha offerto il suo punto di vista su Internet e le possibilità ancora da esplorare. Sfatando un mito.  Secondo Frieda, chi ha qualche anno in più sa usare questo medium meglio dei giovani. Una prospettiva interessante da parte di una persona che la Rete “l’ha fatta”, letteralmente. Buona lettura. 

Milanese di nascita, brianzola di sangue: Frieda Brioschi tradisce le origini nel cognome. Sveglia, intelligente, pensa veloce ed è sempre un passo avanti. Nel 2003 comincia ad usare Wikipedia da semplice utente,  nel 2005 con alcuni amici fonda Wikimedia Italia, diventandone presidente. Per capirci: quando non sapete qualcosa, è a lei che vi rivolgete nove volte su dieci.

Continua a leggere

Standard